Come smettere di procrastinare: 10 trucchi da adottare subito

Se vuoi alcune strategie semplici e da mettere subito in pratica per smettere di procrastinare, qui trovi le 10 più efficaci da adottare subito!

Il tempo stringe. Tuttavia, invece di concentrarti e portare a termine i tuoi compiti, passi il tempo con cose varie come controllare le e-mail, i social media, guardare video, navigare su blog e forum continuando a procrastinare.

Sai bene che dovresti lavorare, ma continui a tirarla per le lunghe.

Come è successo? Cosa è andato storto? Perché hai perso la concentrazione?

Questo è il fenomeno della procrastinazione. Quando procrastiniamo, sprechiamo il nostro tempo rimandando le attività importanti che dovremmo fare. E quando magari è troppo tardi, ci facciamo prendere dal panico e vorremmo aver iniziato prima.

Il procrastinare è una trappola in cui molti di noi cadono, stando infatti ad alcune ricerche sembra che buona percentuale di noi procrastina in qualche misura. Se da un lato ci possiamo consolare nel sapere di non essere soli, dall’altro può essere sconfortante rendersi conto di quanto possa frenarci.

La procrastinazione è un processo attivo: scegli infatti di fare qualcos’altro al posto del lavoro che sai di dover svolgere.

La procrastinazione di solito consiste nell’ignorare un compito sgradevole, ma probabilmente più importante, a favore di uno più piacevole o molto più facile.

I procrastinatori cronici (spero non sia il tuo caso) trascorrono la maggior parte della propria vita così e cioè: rimandano, rimandano, rallentano, si nascondono dal lavoro, affrontano il lavoro solo quando è inevitabile, e poi ripetono questo ciclo da capo.

È chiaro che questa è veramente una cattiva abitudine che se adottata ti divora e ti impedisce di ottenere risultati migliori nella vita.

Come smettere di procrastinare

Come per la maggior parte delle abitudini, è possibile eliminare la procrastinazione. Quindi, non lasciare assolutamente che il procrastinare s’impossessi della tua vita.

Qui condividerò alcune delle strategie più proficue su come smettere di procrastinare.

Prima di iniziare ad affrontare il problema, è necessario capire le ragioni per cui si procrastina.

Ad esempio, se stai evitando un particolare compito perché lo trovi noioso o sgradevole, attivati per sbrigarlo rapidamente, in modo da poterti concentrare sugli aspetti del tuo lavoro che trovi molto più piacevoli. Insomma via il dente via il dolore!

La scarsa organizzazione può portare a procrastinare, ecco perché è importante seguire una to do list questo strumento ti aiuta infatti ad organizzare i compiti in base alle priorità e alle scadenze.

Anche se sei organizzato/a, potresti sentirti comunque sopraffatto/a da un compito. Forse hai dei dubbi sulle tue capacità e temi di fallire, quindi rimandi cercando conforto in un lavoro che sai essere in grado di fare.

Devi sapere che alcune persone temono il successo quanto il fallimento. Pensano che il successo li porterà a essere inondati da richieste di ulteriori compiti da svolgere.

Sembra strano ma i perfezionisti sono spesso procrastinatori perché spesso scelgono di non svolgere un compito che non sentono di saper fare, piuttosto che farlo in modo imperfetto.

Un’altra causa importante della procrastinazione è la scarsa capacità di prendere decisioni. Se non si riesce a decidere cosa fare, è probabile che si rimandi l’azione per evitare di fare una scelta sbagliata.

La procrastinazione è una malattia?

Per alcune persone, il procrastinare non è solo una cattiva abitudine ma nasconde anche un grave problema di salute sottostante. Ad esempio, l’ADHD, il disturbo ossessivo compulsivo, l’ansia e la depressione sono associati alla procrastinazione.

Inoltre, la ricerca suggerisce che la procrastinazione può essere causa di stress e malattie gravi. Quindi, se soffri di procrastinazione cronica o debilitante, la colpa potrebbe essere imputata ad una di queste condizioni e quindi dovresti rivolgerti a un professionista.

Strategie contro la procrastinazione

Procrastinare è un’abitudine comportamentale profondamente radicata. Ciò significa che probabilmente non è semplicissimo interromperla da un giorno all’altro.

Ti ricordo che le abitudini smettono di essere tali solo quando si evita di praticarle, quindi cerca di adottare il maggior numero possibile di strategie che trovi qui di seguito per avere maggiori probabilità di successo.

1 – Perdonati. La prima strategia che ti consiglio per smettere di procrastinare è quello di perdonarti per aver procrastinato in passato. Gli studi dimostrano che il perdono può aiutare a sentirsi più positivi nei confronti di sé stessi e a ridurre la probabilità di procrastinare in futuro.

2 – Impegnati nel compito. Per smettere di procrastinare ti devi concentrare sul fare e non sull’evitare. Appuntati i compiti che devi portare a termine e stabilite un orario per farlo. Questo vi aiuterà ad affrontare il lavoro in modo proattivo.

3 – Datti una ricompensa. Se riesci a portare a termine un compito difficile nel tempo stabilito, premiati! Magari con una fetta di torta o un caffè del vostro bar preferito. E cerca di imprimerti nella mente l’emozione provata di quanto sia bello finire le cose!

4 – Chiedi a qualcuno di controllarti. Se non hai proprio nessuno a cui chiedere, potresti usare strumento online come Procraster per autocontrollarti.

5 – Procedi man mano. Per smettere di procrastinare affronta i compiti da fare non appena si presentano, invece di lasciarli accumulare.

6 – Sfrutta la legge di Parkinson. Questa legge prevede di fissare delle scadenze temporali. Ad esempio imposta un timer e datti un tot di tempo massimo per fare quel compito. In questo modo il tempo è limitato e scorre inesorabilmente. Quando il tempo scarseggia si tende a concentrarsi di più e ad essere più efficaci.

Dirsi “devo pulire la stanza” e “devo pulire la stanza entro 30 minuti” fa tutta una grandissima differenza. Fidati!

7 – Riformula il tuo dialogo interno. La parola devo “bisogna” o “devo” , ad esempio, celano il fatto che non hai scelta in ciò che fai. Questo può farti sentire privo di potere portarti all’autosabotaggio. Invece, dire “ho scelto di farlo” implica che il progetto è tuo e può farti sentire più responsabile nel portare a termine il compito.

8 – Riduci al minimo le distrazioni. Non controllare la posta elettronica e i social media ed evita di sederti vicino alla televisione mentre lavori! Sfrutta la tecnica del pomodoro per essere più profittevole nello svolgere il compito.

9 – Cerca di “mandare giù il boccone amaro” come prima cosa, ogni giorno! Fai subito i compiti che ritieni meno piacevoli. In questo modo avrai tutto il resto della giornata per concentrarti sul lavoro che trovi più piacevole.

Se vai meglio al pomeriggio nessun problema, comunque individua i momenti in cui sei più efficace e svolgi i compiti più difficili in questi momenti.

Come rendere più piacevole un compito

Se stai procrastinando perché quel compito, quel lavoro o quel che sia lo trovi decisamente spiacevole, prova a concertarti nel lungo termine.

Le ricerche dimostrano che le persone impulsive sono più propense a procrastinare perché si concentrano sul guadagno a breve termine. Cerca di individuare i vantaggi a lungo termine che derivano dal completamento di quel compito compito.

Un altro modo per rendere piacevole un compito è quello di individuare le conseguenze spiacevoli dell’evitarlo. Ad esempio, cosa accadrebbe se non completi quel lavoro? Come potrebbe influire sugli obiettivi personali, di squadra o organizzativi?

Per smettere di procrastinare potrebbe essere utile riformulare il compito esaminandone il significato e la rilevanza. Questo aumenterà il suo valore per voi e rendendo lavoro più proficuo. È anche importante riconoscere che spesso potresti sopravvalutare la sgradevolezza di un compito.

Quindi fai una prova! Potresti scoprire che, dopo tutto, non è così brutto come pensavi!

Nel suo libro ” The Procrastination Cure: 7 Steps To Stop Putting Life Off “, Jeffery Combs suggerisce di affrontare i compiti in sessioni di 15 minuti. In alternativa, puoi creare un piano d’azione per organizzare l’intero progetto.

Prova ad iniziare prima con i compiti più piccoli e veloci. Questi “piccoli traguardi” ti daranno un senso di realizzazione e positività facendoti sentire meno sopraffatto dal progetto o dall’obiettivo più grande a cui stai lavorando.

Ricorda che il tuo comportamento (abitudini e sistemi), le emozioni e i pensieri sono tutti collegati. Quindi, a prescindere dalla ragione principale della tua tendenza a procrastinare, una qualsiasi delle strategie qui riportate dovrebbe aiutarti a dedicarti con maggiore costanza al compito che hai difficoltà a portare a termine trovando l’energia o la concentrazione per farlo efficacemente.

Altri utenti hanno letto anche ...

Continua a migliorarti e a salire di livello con questi altri interessanti articoli tra i più letti...

🔥 Iscriviti gratis! 🔥

Ti piacerebbe migliorare?
Denaro, Mentalità, Relazioni, Benessere mentale e fisico ...

Entra nella Membership dei Migliorandi (totalmente gratis!) riceverai 2 volte a settimana 2 speciali contenuti via e-mail di estremo valore sul mondo della crescita personale che ti aiuteranno concretamente a migliorarti. (fidati!)

Inizia a migliorare!

🎯 ​I 5 più cliccati

Questi sono gli articoli più letti, dedicati alla crescita personale, da parte dei nostri utenti che hanno deciso di migliorarsi.

💯 Formati & Migliorati 💯